TRATTAMENTO PSORIASI E VITILIGINE

COME TRATTARE PSORIASI E VITILIGINE

COSA E' LA VITILIGINE?

conosciuta da sempre e fino a non molto tempo fa sottovalutata e ritenuta incurabile, la Vitiligine è una dermatosi cronica ad andamento progressivo che si manifesta in qualsiasi parte del corpo, a qualunque età e senza causa apparente, con vistose chiazze prive o povere di pigmentazione.

La vitiligine ha un esordio e un decorso alquanto vario r imprevedibile, è caratterizzata da chiazze bianche che solitamente si allargano in senso centrifugo dovute alla distruzione dei melanociti di cute, mucose e retina.

La fascia d'età maggiormente colpita comprende soggetti tra i 20 e i 40 anni. La sua patogenesi non è ancora chiarita anche se, negli ultimi anni, si è andata delineando una teoria riguardante lo sbilanciamento delle difese antiossidative dei melanociti (causa immunologica, neurologica, autodistruttiva oppure dovuto ad uso di alcune terapie).

COSA è LA PSORIASI?

La psoriasi è una dermatosi infiammatoria, cronico-recidivante, caratterizzata da chiazze eritema-desquamative a limiti netti, forma rotondeggiante od ovale con la tendenza alla confluenza. Tutta la superficie cutanea può essere interessata dalla malattia.

E' un'affezione frequente essendone interessato circa il 3% della popolazione mondiale. La psoriasi è una patologia geneticamente determinata che colpisce in egual misura i due sessi e può insorgere in qualsiasi età. La sua frequenza dipende e varia soprattutto in rapporto ai fattori climatici ed etnici. I fattori che si ritengono responsabili della psoriasi sono genetici, extragenetici ed immunologici.

La metodica Ratokderm®

I Trattamenti effettuati con il metodo Ratokderm®possono essere eseguiti a livello ambulatoriale e non richiedono l’assunzione di farmaci; comportano l’utilizzo di creme ad alto potere idratante appositamente studiate: per tali ragioni, possono essere impiegati durante la gravidanza e l’allattamento inoltre, non sono controindicati in caso di insufficienza renale o epatica grave. In particolare, si avvale di un protocollo terapeutico consolidato nel corso di un’esperienza maturata nel corso di un ventennio su oltre un migliaio di pazienti affetti da psoriasi ed oltre 6.000 affetti da vitiligine e che prevede l’utilizzo di:

  • Microfototerapia
  • Bagno di luce (total body)
  • Applicazione di creme idratanti

 

Rispetto alla fototerapia UVB tradizionale, la metodica comporta la somministrazione di microdosi di raggi UVB mediante l’irradiazione di dosi specifiche e differenziate applicata solo sulle superfici cutanee interessate dalla patologia senza il coinvolgimento della cute sana. Questo rivoluzionario metodo permette al paziente di essere sottoposto ad un minor quantitativo di raggi.

L’importante casistica seguita dai nostri specialistici in questi anni ha permesso di avviare, in collaborazione con i principali Istituti di ricerca in ambito universitario italiano, una fase di analisi ed approfondimento dei risultati ottenuti, attraverso attività di ricerca clinica, associata a studi retrospettivi che verifichino l’efficacia dei risultati ottenuti, la loro persistenza nel tempo, l’eventuale insorgenza di contrindicazioni ed i cui esiti rappresenteranno punto di partenza per aggiornare i protocolli in uso.

ITER TERAPEUTICO

  1. VISITA MEDICA DERMATOLOGICA: effettuata con la visualizzazione a lucidi fluorescenza, per l'individuazione e la valutazione di tutte le macchie di vitiligine, anche quelle non visibili ad occhio nudo, con compilazione computerizzata della cartella clinica
  2. DERMOTOPGRAFIA COMPUTERIZZATA: secondo il metodo Ratokderm®, che localizza le chiazze depigmentate e calcola la percentuale di superficie cutanea complessivamente interessata dalle dermopatologie.
  3. ICONOGRAFIA: (esclusivo sistema Ratok® di comparazione video-fotografica computerizzata) destinata a visualizzare e a memorizzare le macchie di vitiligine, con luce di fluorescenza, o le placche di psoriasi, per un monitoraggio continuo e costante della malattia
  4. DETERMINAZIONE DEM (dose eritematogena minima): test per stabilire il grado soggettivo di reattività cutanea alla micro-fotoesposizione. Il risultato di questo esame viene controllato dopo 24 ore nel corso della seconda seduta terapeutica.

Comments are closed.